• Fiore di pizza

    10 agosto, 2017 • Posted in Food, Libri&Film, Ricette

    “Miss Dickinson, lei è spinosa come quel suo maledetto cactus!”

    Da “Fiore di cactus” di Gene Saks, 1969, con Walter Matthau, Ingrid Bergman e Goldie Hawn ♥

    “Fiore di cactus” è uno di quei film colorati, divertenti, con battute di spirito infilate una dopo l’altra capaci di risollevarci il morale con poco.

    Goldie Hawn, praticamente alla sua prima apparizione, vinse l’oscar, meritatissimo,  come miglior attrice non protagonista interpretando Toni Simmons, giovane commessa di un negozio di dischi che intrattiene una relazione clandestina con un dentista, il dottor Winston (Walter Matthau). Questo, per evitare la grana di vedersi accalappiato e condotto seduta stante all’altare, si finge sposato e con figli.

    La commedia gliela dovrà reggere l’algida e pragmatica assistente, Miss Dickinson (Ingrid Bergman), appassionata della piantina di cactus sulla sua scrivania, inaspettatamente dotata di spirito e intraprendenza  e capace di dare il meglio di sé in pista  da ballo con la mossa del “cavadenti” e lo scambio di battute al tavolo con Harvey Greenfield (Jack Weston).

    Dopotutto anche un cactus, per quanto spinoso e inaccessibile, può riservare la sorpresa di una fioritura in grado di svelarne la parte più tenera ed amabile!

    La ricetta ispirata al film non poteva dunque che essere con dei fiori. Non di catus, ma di zucca ♥.

    ♥ Fiore di pizza ♥

    Tempo di preparazione: 3 ore circa (compresa la lievitazione)

    Ingredienti per 10 pizzette circa, o per due pizze del diametro di 30 cm

    500 gr di farina 00

    300 ml acqua

    25 gr di lievito di birra fresco (o una bustina di quello secco)

    2 cucchiaini di zucchero

    10 gr di sale

    150 gr di fiori di zucca

    1 mozzarella

    50 gr di crescenza (o stracchino, per chi la crescenza la identifica così)

    1 porro

    6/7 acciughe sott’olio

    Olio extravergine d’oliva qb

     Procediamo prima con la preparazione della pasta della pizza. Sciogliete il panetto di lievito sbriciolato in un bicchiere di acqua tiepida (che preleverete dai 300 ml totali) con lo zucchero: mescolatelo bene con un cucchiaino e lasciatelo riposare qualche minuto (se utilizzate il lievito secco questo passaggio lo si omette). Se siete in possesso di una macchina del pane, aggeggio che potrebbe sembrare infernale ma che in realtà si rivela un discreto surrogato delle impastatrici, infilate tutti gli ingredienti di filata nel suo magico cestello: provvederà lei a rivoltarli (pena però il “mettere le mani in pasta”, che con tutti gli impasti lievitati è una fonte di soddisfazione massima). Sennò iniziate da una boule capiente: formate un cratere sulla sommità della fontana di farina e riempitelo con il lievito sciolto con lo zucchero (o con quello secco e lo zucchero), la restante parte d’acqua e il sale. Impastate fino a comporre una palla sufficientemente omogenea: a questo punto trasferite l’impasto su una spianatoia e lavoratelo per qualche minuto.

    Lasciatelo lievitare coperto da un canovaccio per un paio d’ore, sinché non avrà raddoppiato di volume (o applicate il metodo Bonci: preparatelo la sera prima e lasciatelo lievitare in frigorifero). Stendetelo sulla teglia (se le pizze le volete piccole calcolate un 60 g di impasto per ciascuna) e concedetegli un riposino di un’altra mezz’ora.

    A questo punto potete procedere con la guarnitura: pulite i fiori di zucca, aprendoli e prelevando il pistillo, e adagiateli sulla sommità delle pizze. Cospargete di mozzarella (se piccole circa 6-7 g) e di crescenza e decorate con porro affettato sottile e alici sminuzzate. Completate con un filo d’olio e infornate in forno già caldo a 250° per 15 minuti circa (tenetela sotto vigilanza costante, perché i fiori non devono seccarsi). Servite le pizzette calde!

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *